Monthly Archives: September 2012

“Big change can happen: start small.”

Standard

“After her wedding in 2009, artist Julia Kozerski decided to drastically change her lifestyle. She lost 160 pounds in one year — and documented the transition with her iPhone.”

Losing 160 Pounds, One Photo At A Time : The Picture Show : NPR.

Movie Romance Gone Real: our Director and Sasha Alexander!

Standard

Insight :: Movie Romance Gone Real: Edoardo Ponti and Sasha Alexander :: Los Angeles Confidential Magazine.

CARCIOFI! At the IIC of LA…

Standard

http://myemail.constantcontact.com/REMINDER—Talk-and-Taste-Program-on-ARTICHOKES-at-the-IIC.html?soid=1102813638008&aid=zrLSoYILY4c.

Artichokes produce-1

Artichokes

“The loss of words” by Erri De Luca

Standard

 

Passaparola – The loss of words – Erri De Luca

Writer Erri De Luca’s Passaparola

My name is Erri Deluca and I would like to say hi to all the friends of Beppe Grillo’s Blog.
The fact that words have lost their meaning and their significance affects me since I am a person who deals in words and I believe that more so than having lost their meaning, I believe that these days words have lost their sense of responsibility, in other words, the written word has become merely an advertising tool, meaning that words are used to emphasise one’s argument or sell one’s product but they don’t bear any responsibility when false things are said and then denied at any time, even subsequently, without the individual who told the lie carrying the can. Anyone can say what they like without having to verify anything, check the facts or even knowing that what they are saying is false, using and abusing wrong words without facing any negative effects on his/her career or authority.

There’s a lack of accountability for words.
Let me quote an example: when our politicians talk about waves of migrants, they are deliberately using abusive but extremely suggestive vocabulary by talking about waves. I say this because when you talk about waves, the word itself suggests that the land must defend itself by means of barriers, reefs or dykes, but that is not the case! These are not waves, what they are, in fact, are merely flows. If we call them what they are, namely flows, then suddenly the irrational urge to strangle, bar and block disappears. Flows, instead, which are in fact what these are, namely flows of new energy, new life, new power that is coming in to strengthen the fibre of an ageing national community such as ours that produces little manual labour and that does not easily lend itself to doing manual work and that therefore utilises thousands of strong arms arriving from the southern and eastern parts of the world.
Here in Italy we use millions of these uninvited strong arms that have come to this Country to our advantage, and these are flows that have and continue to revive the energies and the economy of this Country, yet the powers that be insist on using provocative language, so those of us who believe in the proper use of words attempt to contradict and to insist on a different and more appropriate version, for example when it comes to migratory flows.
From my perspective, however, the simple fact that the word itself is so devoid of accountability is in fact an advantage because there has been much curiosity and a renewed interest in the use of a narrative word that is non-advertising, non-political and non-economic. That what happens when you sometimes go around to narrative, literature and word festivals, like the Sarzana “Festival della mente” like I do. Going to these places where they arrange public meetings between narrators, speakers and people who have come to listen, you suddenly realise that these gatherings are crowded and there are hordes of people there.
There is a demand for consistent words, words that are not mere communication tools, but that carry a certain responsibility and transmit a certain…… and that result in some sort of exchange between the people who are talking and those who are listening. Whatever the case may be, even though we are going through a charlatan era, there is still room and a demand for a more correct and precise use of language, language that is involving rather than exclusive and I believe that the youth of this Country, in addition to feeling a need for this type of language, is also somehow able to find an application for it and for getting enjoyment from this type of language.
Let’s also try to protect our personal integrity by our use of language, using more appropriate and correct language. When it comes to words, there is a certain “rightness” or even “wrongness” that we must acknowledge and that we have to reclaim.
The truth is that one’s mastery of one’s language comes from reading, reading a lot. That is precisely what happened to me. Ever since I was a child, I stuffed my head with books, sometimes even at the expense of my time-off, since I spent a good part of that time reading, re-reading and reading once again, which has given me a kind of right of citizenship within the language.
I am not merely a user of the language and I don’t allow the latest showman put words in my mouth. I am the master of my own language and I live my language so I have far more protection than most. I have extra antibodies thanks to the fact that I have read an awful lot.
So the only possible advice I can give is for you to truly fall in love with reading and not to let a single day pass without having a book for company.
So spread the word. I am someone who has been lucky with books thank to this idea of word of mouth, where someone who read one of my articles, one of my books or one of my stories and then recommended it to other people. This marvellous, across the board, person to person mechanism is the most effective communication tool that we have at our disposal.

LA PERDITA DELLE PAROLE

Mi chiamo Erri Deluca e saluto gli amici del Blog di Beppe Grillo. 
L’argomento della perdita di significato e di peso della parola mi riguarda, perché sono uno che traffica con la scrittura e quindi più che perdita di senso della parola credo che nei nostri tempi ci sia una perdita di responsabilità della parola e cioè la parola è diventata prevalentemente pubblicitaria, cioè deve servire in quel momento esaltare il proprio argomento e il proprio prodotto, ma poi non porta a nessuna responsabilità, se afferma il falso e può essere smentita in ogni momento, anche successivamente, la parola pubblica senza che chi la abbia pronunciata falsa ne subisca le conseguenze. Uno può dire una qualunque affermazione senza bisogno di verificarla, di controllarla, anzi sapendo anche che è imprecisa, usando e spacciando un vocabolario falso, senza che se ne porti discredito alla sua carriera e autorità. 
C’è una perdita di responsabilità della parola. 
Faccio un esempio: quando i nostri governanti parlano di ondate migratorie usano deliberatamente un vocabolo abusivo, quello di ondata, ma suggestivo. Perché se si tratta di ondate, la parola stessa suggerisce che una terraferma dalle ondate si debba difendere con barriere, scogliere, dighe, non è così! Non sono ondate, si tratta invece diflussi. Se li chiamiamo propriamente flussi non troviamo più l’immagine che li voglia strozzare, impedire, bloccare. I flussi, si tratta propriamente di questi, di flussi di nuova energia, di nuova vita, di nuove forze, che vengono a rinforzare le fibre di una comunità nazionale come la nostra, che è invecchiata, che produce poco lavoro manuale, che non si piega al lavoro manuale, facilmente e che quindi utilizza milioni di braccia che vengono dal sud e est del mondo. 
Utilizza a suo profitto milioni di queste braccia che non sono state invitate, sono stati appunto flussi che hanno rinnovato e rinnovano le energie e l’economia di questo paese, ma appunto i poteri spacciano vocabolario falso e allora uno che è tenuto a usare con proprietà il proprio dizionario cerca di contraddire e di ribadire una versione diversa, una versione più appropriata della parola che riguarda per esempio i flussi migratori. 
Il fatto che la parola sia così priva di responsabilità però ha un vantaggio, dal mio punto di vista, perché c’è una grande curiosità e un rinnovato interesse per l’uso di una parola non pubblicitaria, non politica, non economica, per l’uso di una parola narrativa. Mi capita di andare in giro per dei festival di narrativa, di letteratura, di parola, anche di parola ragionata, come il festival della mente di Sarzana, ecco, viene da andare in giro in queste località, dove si inaugurano degli incontri pubblici tra narratori, parlatori e persone venute ad ascoltare e questi incontri sono gremiti, sono affollati. 
C’è una domanda di parole consistenti, che portino responsabilità e non siano solo di semplice comunicazione, che facciano avvenire uno scambio tra le persone che parlano e quelle che ascoltano. Comunque anche se siamo in tempi ciarlatani c’è uno spazio, una domanda, per la parola, per la parola giusta, per la parola esatta, per quella che coinvolge, e io credo che la nuova gioventù di questo paese oltre che sentirne il bisogno riesce a trovare anche applicazione e a trovare gusto per questo nuovo tipo di parola. 
Cerchiamo di difendere la nostra integrità di persone anche attraverso il linguaggio, usando quello appropriato, il linguaggio più giusto, c’è una giustizia nelle parole, o una ingiustizia, che dobbiamo riconoscere e dobbiamo rivendicare. 
La faccenda è che uno si impadronisce del proprio vocabolario a forza di leggere, di leggere tanto, a me è capitato così, fino da ragazzino, di imbottirmi la testa e anche di soffocare un po’ del mio tempo libero, buona parte di questo, leggendo, leggendo e straleggendo, e questo mi ha dato un diritto di cittadinanza dentro la lingua
Non sono un cliente della lingua, non mi faccio mettere in bocca le parole dall’imbonitore di turno, ma sono il proprietario della mia lingua, il residente della mia lingua e dunque ho una forza maggiore di protezioni, ho anticorpi in più grazie al fatto che ho letto un sacco. 
E allora il mio consiglio unico e possibile è quello di appassionarsi di lettura e non far passare nessun giorno senza questa compagnia. Io sono uno che ha avuto fortuna con i libri grazie a questo sistema di passaparola, uno che ha letto una mia pagina, un mio libro, un mio racconto, poi l’ha consigliato agli altri, ecco, il sistema di passaparola, questo meccanismo magnifico, orizzontale, da persona a persona, è il più efficace strumento di comunicazione che abbiamo.